Giradischi Recensione - Febbraio 2018

Antonio confronta gli cinque ultimi Giradischi

Antonio R.
Pioneer PL-990
Pioneer PL-990
Sony PS-LX300USB
Sony PS-LX300USB
Stereo Giradischi 1byone
Stereo Giradischi 1byone
ION Audio Max LP
ION Audio Max LP
Audio-Technica AT-LP60-USB
Audio-Technica AT-LP60-USB

In questo articolo ho messo a confronto 5 diversi modelli di giradischi, mettendone in evidenza caratteristiche tecniche, pregi e difetti, segnalandovi il migliore in assoluto e il migliore come rapporto qualità - prezzo.

Vincitore
Pioneer PL-990

Pioneer PL-990

Risultato del test

10

su 10

Dimensioni
35,3 x 41,9 x 9,9 cm
Peso
2,3 Kg
Voltaggio
/
Pro

rotore stabile

dotato di connettore alla testina universale

operazioni automatiche

riproduce il suono in maniera molto precisa

Contro

prezzo elevato

Qualità-prezzo
Sony PS-LX300USB

Sony PS-LX300USB

Risultato del test

9

su 10

Dimensioni
34,3 x 9,9 x 39,9 cm
Peso
2,7 Kg
Voltaggio
230 volt
Pro

riproduce formato MP3

compatibile sia per 33 giri sia per 45 giri

Contro

prezzo elevato

Stereo Giradischi 1byone

Stereo Giradischi 1byone

Risultato del test

8

su 10

Dimensioni
33,4 x 12 x 32,5 cm
Peso
2,3 Kg
Voltaggio
230 volt
Pro

dotato di convertitore vinile in MP3

plancia frontale vintage

dotato di altoparlante frontale

uscita USB

Contro

ingombrante

ION Audio Max LP

ION Audio Max LP

Risultato del test

7.6

su 10

Dimensioni
38,7 x 41,8 x 10,3 cm
Peso
3,5 Kg
Voltaggio
/
Pro

riproduce 33, 45 e 78 giri

collegabile al PC con cavetto USB

dotato di software che separa tracce audio in automatico

Contro

molto pesante

Audio-Technica AT-LP60-USB

Audio-Technica AT-LP60-USB

Risultato del test

7.5

su 10

Dimensioni
35,6 x 36 x 9,8 cm
Peso
3 Kg
Voltaggio
230 volt
Pro

riproduce 33 e 45 giri

collegabile al PC

Contro

non riproduce i 78 giri

»
«

Il mercato dei vinili è tornato più forte che mai: scegli il tuo giradischi!

Considerazioni iniziali sui giradischi

Giradischi: un vintage tornato di moda

Nell’epoca delle tecnologie digitali il giradischi è tornato di moda: un numero sempre maggiore di nostalgici di nostalgici ricorre a questo vecchio ed affascinante modo per ascoltare musica.
Il giradischi funziona grazie ad un disco rotante su cui viene appoggiato il vinile, che combinato all’azione di una puntina consente di trasformare l’energia meccanica vibratoria in un segnale elettrico successivamente riconvertito in suo grazie ad egli altoparlanti, creando quel suono a volte gracchiante ma affascinante per molti.

Giradischi disco
@Pexels/Pixabay.com

Cosa considerare prima dell’acquisto

Elementi da tenere in considerazione in caso di acquisto di un giradischi

Nel caso in cui dobbiate comprare un giradischi, vi segnalo alcuni punti fondamentali da tenere in considerazione prima dell’acquisto, in modo tale da scegliere il giradischi più adatto alle vostre esigenze.

Il primo aspetto da tenere presente è quello legato al prezzo: il giradischi è un prodotto che ha una gamma di prezzo molto ampia, per cui si parte dai 50 euro per arrivare a spendere alcune migliaia di euro. Ovviamente un prezzo maggiore garantisce una qualità di riproduzione del suono, ma è utile sapere che anche spendendo poche centinaia di euro potrete acquistare un buon giradischi.
Un altro punto molto importante riguarda le caratteristiche tecniche vere e proprie dei giradischi, che sono classificabili in due diverse categorie: i giradischi all-in-one e quelli tradizionali, ai quali è necessario aggiungere una serie di elementi abbinati, a partire dall’amplificatore e dalle casse.
I giradischi appartenenti alla prima categoria sono più economici e hanno il vantaggio di essere pronti all’uso, per cui sono più pratici soprattutto per i neofiti. L’inconveniente di questi giradischi è legato al fatto che hanno una riproduzione del suono peggiore rispetto a quelli appartenenti alla seconda categoria. di contro, i giradischi tradizionali hanno una riproduzione del suono migliore ma sono più cari, inoltre gli elementi aggiuntivi di cui necessitano non sono facili da scegliere, per cui se non siete degli esperti in materia vi consiglio di cominciare con un giradischi già dotato di tutti gli elementi necessari per la riproduzione del suono.
Un altro aspetto non trascurabile è quello legato alle uscite del giradischi: se è dotato di un preamplificatore integrato allora potrete collegarlo direttamente alle vostre casse; in caso contrario, sarà necessario integrare il vostro amplificatore con un preamplificatore necessario per la riproduzione del suono, o collegandolo ad un dispositivo dotato di preamplificatore, come ad esempio il vostro stereo di casa, o acquistando un phono-preamp grazie al quale potrete riprodurre il suono del vostro vinile.
Un altro aspetto da considerare è quello legato alla possibilità di acquistare un giradischi usato, che permette generalmente di risparmiare rispetto all’acquisto del nuovo.

Se però non siete esperti è una scelta delicata, per cui, nel caso in cui vi orientiate verso un giradischi usato, vi consigliamo di chiedere molte informazioni al proprietario: se è l’unico proprietario, se è dotato di tutti gli accessori e se gli stessi sono ancora in commercio, se è stato usato spesso ed eventualmente se è stato utilizzato da DJ, se il braccio è ben bilanciato.

Cinque giradischi analizzati per voi

Sony PS-LX300USB Giradischi USB, Servomotore Controllato DC, S-Shape, MP3, 50 dB, 230 V, Alluminio

Questo giradischi è compatibile sia per 33 giri sia per 45 giri.
Riproduce formato MP3 e la frequenza d’ingresso AC è di 50/60 Hz. Il peso è di 2,7 kg.
Pregi: riproduce MP3. DifettI: prezzo elevato, non riproduce i 78 giri

Stereo Giradischi 1byone con Cinghia a 3 Velocità e Altoparlante Integrato, Lettore Multiplo con Conversione da Vinili a MP3, USB per Riproduzione MP3, Output RCA

Dotato di convertitore vinile in MP3, questo giradischi è molto pratico grazie alla plancia frontale vintage che protegge dalla polvere.
Dotato di altoparlante frontale e di uscita USB, riproduce 33 giri, 45 giri e 78 giri.
Pregi: riproduce 33, 45 e 78 giri, converte vinili in MP3, dotato di plancia antipolvere.
Difetti: ingombrante

ION Audio Max LP Giradischi in Legno con Altoparlanti Integrati e Convertitore Vinili + Software per Mac e PC e Cavo USB Inclusi

Riproduce 33, 45 e 78 giri e li converte in MP3 e su CD grazie all’ingresso AUX.
Dotato inoltre di altoparlanti stereo e di cavo USB grazie al quale può essere collegato alla PC. Dotato di software che separa automaticamente le tracce audio e di un pratico coperchio antipolvere.
Pregi: riproduce 33, 45 e 78 giri; collegabile al PC con cavetto USB; dotato di software che separa tracce audio in automatico. Difetto: molto pesante.

Pioneer PL-990 Giradischi stereo completamente automatico Nero/Black

Grazie al suo rotore stabile che evita le oscillazioni riproduce il suono in maniera molto precisa.
Dotato di connettore alla testina universale, è molto pratico da usare in quanto effettua le operazioni in automatico.
Pregi: operazioni automatiche, dotato di rotore a sospensione molto stabile che evita le vibrazioni riproducendo il suono in modo molto preciso. Difetti: prezzo elevato.

Audio-Technica AT-LP60-USB Giradischi con trazione a cinghia, USB e Analogico, Argento

Riproduce 33 e 45 giri ed è collegabile al PC; con compatibilità sia a Windows che a Mac.
Pregi: collegabile al PC di casa. Difetti: non riproduce i 78 giri.

Considerazioni finali

Conclusioni sui giradischi

Dal test che ho effettuato su 5 diversi modelli di giradischi, a mio modo di vedere ritengo che il migliore come rapporto qualità – prezzo sia il modello della Sony, mentre il migliore in assoluto sia quello della Pioneer, che grazie al rotore molto stabile evita le oscillazione regalando un suono molto pulito e piacevole alle orecchie di chi ascolta.

×

Chiudi