Rilevatore di movimento Recensione - Gennaio 2018

Luca confronta gli cinque ultimi Rilevatore di movimento

Luca M.
D-Link DCH-Z110
D-Link DCH-Z110
Goobay Sensore
Goobay Sensore
Rilevatore di Movimento PIR
Rilevatore di Movimento PIR
Sensore di movimento a infrarossi
Sensore di movimento a infrarossi
Electraline 58412
Electraline 58412

Per un sensore di movimento la qualità generica è naturalmente ben accetta ma non comporta un requisito fondamentale. Questo perché l'utilizzo comune prevede il fissaggio in un punto alto, in cui l'apparecchio non è mai esposto a possibili urti accidentali. Ho valutato piuttosto l'effettiva sensibilità e l'affidabilità delle segnalazioni. Inoltre ho tenuto conto delle funzionalità aggiuntive, come la possibilità di inviare il segnale d'allarme direttamente a un apparecchio mobile, per esempio uno smartphone, tramite le apposite applicazioni gratuite. Questo non significa, tuttavia, che i materiali non siano stati compresi nella mia valutazione finale.

Vincitore
D-Link DCH-Z110

D-Link DCH-Z110

Risultato del test

10

su 10

Peso
100 g
Dimensioni
30 x 20 x 15 cm
Tipo di sensore
Wireless
Pro

Dotazione di base

Garanzia della marca

Efficienza

Contro

Durata della batteria

Qualità-prezzo
Goobay Sensore

Goobay Sensore

Risultato del test

9

su 10

Peso
163 g
Dimensioni
7 x 10 x 2 cm
Tipo di sensore
A infrarossi
Pro

Buona qualità

Prestazioni

Rapporto qualità-prezzo

Contro

I morsetti interni per il collegamento dei cavi sono molto stretti

Rilevatore di Movimento PIR

Rilevatore di Movimento PIR

Risultato del test

8.5

su 10

Peso
n.d.
Dimensioni
48 x 29 x 26 cm
Tipo di sensore
Wireless
Pro

Facilità di applicazione

Basilare ma efficiente

Contro

Funzionamento non sempre affidabile del led segnalatore

Sensore di movimento a infrarossi

Sensore di movimento a infrarossi

Risultato del test

8

su 10

Peso
159 g
Dimensioni
n.d.
Tipo di sensore
A infrarossi
Pro

Grande distanza di sensibilità

Circuito a bassa frequenza

Movimento 180 gradi

Contro

Protezione IP44 riportata nelle specifiche non si è rivelata affidabile

Electraline 58412

Electraline 58412

Risultato del test

7.5

su 10

Peso
100 g
Dimensioni
19 x 6 x 15 cm
Tipo di sensore
A infrarossi
Pro

Raggio di indirizzo della lampada (180 gradi)

Versatile

Contro

Lampada tende a scaldare eccessivamente: pericolo cortocircuito

»
«

Proteggi la tua casa o la tua attività con un rilevatore di movimento!

Cos’è un rilevatore di movimento?

Un rilevatore di movimento, particolarmente diffuso sia nelle case, sia nelle proprietà commerciali o industriali, è un piccolo apparecchio che sfrutta un sensore (solitamente a raggi infrarossi, ma esistono delle eccezioni a questa consuetudine) per determinare quando all’interno del raggio di azione si verifichi un movimento sospetto.

Ogni modello presenta delle caratteristiche uniche e specifiche: si può acquistare un rilevatore di movimento generico, adatto all’applicazione su soffitti o pareti, oppure un modello progettato appositamente per registrare l’apertura di porte e finestre (per esempio tramite un sensore magnetico). Differenze di questo genere sono importanti e possono determinare la scelta di un modello piuttosto che un altro, per questo ho testato cinque allestimenti diversi e per ognuno ho individuato dei pro e dei contro. Li ho poi confrontati e ho selezionato il migliore in termini assoluti e quello con il rapporto fra qualità e prezzo più vantaggioso.


rilevatore di movimento
@RyanMcGuire/pixabay.com

Cosa considerare nel momento dell’acquisto?

I fattori soggettivi di cui tener conto nella scelta di un sensore di movimento sono pochi, ristretti al contesto di utilizzo che si ha in mente: è chiaro che nel caso in cui si necessiti di un apparecchio per monitorare un corridoio dall’interno sarebbe bene optare per un sensore da parete o da soffitto, senza troppe pretese in termini di fattura.

Se invece l’ambito d’uso è un infisso che collega l’esterno con l’interno (così come una porta interna alla scala comune di un condominio) è meglio scegliere un modello pensato per soddisfare quest’esigenza in modo mirato. Per gli esterni, invece, sono di gran lunga più diffuse le telecamere di sorveglianza, collegate a una centralina protetta. Anche i parametri oggettivi non sono tanti, e tra questi troviamo senza dubbio la buona qualità dei componenti chiave, come la lampada a raggi infrarossi.

Un disturbo comune ad alcuni sensori di vecchia data è l‘interferenza: il corretto funzionamento di una lampada può essere disturbato da altri componenti elettronici più o meno vicini. Si tratta comunque di un problema circoscritto agli allestimenti obsoleti, difficile da individuare in un modello di fabbricazione recente ma comunque tutt’ora irrisolto per le varianti più economiche.


rilevatore di movimento
@3dman_eu/pixabay.com

Il test: 5 modelli a confronto

Home Defender PIR HDP001

Un registratore di movimento piuttosto elementare, con un led per indicare lo stato d’uso e una lampada con frequenza pari a 868 MHz. La facilità di applicazione è un pro, con un sistema a viti. Come contro devo segnalare un funzionamento non sempre affidabile del led segnalatore.

Goobay con relè

Un buon allestimento da soffitto, anche in questo caso con led di segnalazione, ma la lampada ha una frequenza ridotta. La buona qualità in rapporto al prezzo è un pro, ma di contro i morsetti interni per il collegamento dei cavi sono molto stretti, caratteristica che rende difficile l’unione di più sensori in serie.

D-Link DCH-Z110

Il marchio D-Link è di per sé una piccola garanzia. Questa versione è adatta al montaggio negli infissi. La dotazione di base è un ottimo pro, con sensori di movimento, temperatura e luminosità. L’unico svantaggio è la durata della batteria, forse un po‘ troppo breve.

Electraline 58412

Uno dei rilevatori più versatili del test, con diverse possibilità di posizionamento grazie allo snodo e una protezione di tipo IP44. Buono il raggio di indirizzo della lampada, pari a 180°, ma la stessa lampada tende a scaldare eccessivamente, con il pericolo di corto circuito.

Sweet LED a infrarossi

Quest’ultima soluzione è sulla carta una delle più complete, di buona fattura e con un circuito a bassa frequenza (50-60 Hz). La grande distanza di sensibilità è un pro, purtroppo la protezione IP44 riportata nelle specifiche non si è rivelata affidabile.

Conclusioni

rilevatore di movimento
@geralt/pixabay.com

I vari pro e contro descritti nel confronto mi hanno permesso di determinare un vincitore generale, e questo è il D-Link DCH-Z110. La qualità dei materiali è diversi gradini al di sopra rispetto a quella proposta con gli altri modelli analizzati, e la lampada ha un’ottima resa. Non mancano alcune recensioni negative, che tuttavia, in alcuni casi, sono dovute principalmente a un utilizzo non pienamente consapevole.

Il registratore di movimento con il miglior rapporto qualità/prezzo è invece l’alternativa Goobay, che si presta all’uso da soffitto ma presenta comunque una buona versatilità e una qualità generale più che sufficiente.

×

Chiudi