Canna da Pesca Recensione - Gennaio 2018

Carlo confronta gli quattro ultimi Canna da Pesca

Carlo S.
Shimano Beast Master DX Feeder 13 '150 G
Shimano Beast Master DX Feeder 13 '150 G
Lixada Canna da Pesca
Lixada Canna da Pesca
Ultrasport Canna da Pesca Telescopica
Ultrasport Canna da Pesca Telescopica
Abu Garcia
Abu Garcia

Prima di testare singolarmente ogni canna da pesca del confronto ho verificato la resistenza dei materiali, anche agli sforzi più sostenuti rispetto alla norma. Ho osservato poi le differenze nel comportamento tra la fibra di carbonio e il metallo, con particolare riferimento alla flessibilità, fattore di enorme importanza per una canna da pesca a qualsiasi livello. In questo modo ho potuto definire il miglior modello in assoluto e quello invece in grado di offrire il miglior rapporto tra qualità e prezzo.

Vincitore
Shimano Beast Master DX Feeder 13 '150 G

Shimano Beast Master DX Feeder 13 '150 G

Risultato del test

10

su 10

Dimensioni
Lunghezza 136 cm, larghezza 3,96 cm
Peso
340 g
Spinning Reel
/
Pro

Adatta più per gli esperti

Contro

Occhielli un po' instabili

Qualità-prezzo
Lixada Canna da Pesca

Lixada Canna da Pesca

Risultato del test

9

su 10

Dimensioni
53,4 x 18 x 9,2 cm
Peso
1,48 Kg
Spinning Reel
/
Pro

Adatta per esperti e principianti

Contro

Poco stabile

Ultrasport Canna da Pesca Telescopica

Ultrasport Canna da Pesca Telescopica

Risultato del test

8.3

su 10

Dimensioni
105 x 18 x 10 cm
Peso
1,5 Kg
Spinning Reel
/
Pro

Dotazione di base

Contro

Inaffidabilità dei meccanismi telescopici

Abu Garcia

Abu Garcia

Risultato del test

8

su 10

Dimensioni
/
Peso
/
Spinning Reel
/
Pro

Manico in sughero

Contro

Materiale

Bilanciamento mal gestito

»
«

Ti stai appassionando alla pesca? Scegli la giusta canna!

 

Cos’è una canna da pesca?

La canna da pesca, come suggerisce il nome, fa parte della tipica attrezzatura necessaria per pescare. Formata da pochi componenti, consiste in un „bastone“ telescopico su cui sono fissati un‘impugnatura, un mulinello e degli occhielli per lasciar scorrere liberamente una lenza di nylon.

I materiali con cui il corpo principale di una canna da pesca può essere realizzato sono diversi, fra cui quelli più economici (come le leghe metalliche, frequenti negli allestimenti per principianti) e quelli invece più costosi ed elaborati, come le fibre sintetiche, tra cui la fibra di vetro o di carbonio, scelta dai pescatori per cui quest’attività è più che un semplice hobby. Sono più rari, soprattutto perché datati, gli esemplari in legno.

Il mulinello, invece, è spesso in plastica robusta o alluminio. Un materiale estremamente comune per l’impugnatura della canna da pesca è il sughero, grazie alle sue doti di flessibilità, comodità e resistenza. Una distinzione importante è quella fra i modelli di canna da pesca telescopica e i modelli ad innesti: i primi sono dei pezzi unici che, prima dell’uso, si sviluppano in lunghezza semplicemente tirando e bloccando le varie parti tramite delle ghiere, a favore di una maggiore comodità ma con il rischio che le parti, a lungo andare, si „blocchino“ con l’attrito. I secondi, più ingombranti, devono essere invece assemblati con frammenti separati prima di ogni utilizzo. Il vantaggio di quest’ultima categoria è la precisione nel lancio, oltre a una resistenza all’usura decisamente superiore. I parametri tecnici da tenere in considerazione nella scelta di una canna da pesca sono numerosi e quasi sempre difficili da gestire per i principianti: per questo ho testato quattro modelli di base e li ho confrontati in questa guida all’acquisto, individuando per ciascuno dei pro e dei contro.

canna da pesca bambino
@langll/pixabay.com

Cosa considerare nel momento dell’acquisto?

La selezione fra più versioni di una canna da pesca, come già accennato, non è semplice. Una delle prime caratteristiche da valutare è la lunghezza, che dipende dalle esigenze di ciascuno ma in particolar modo dai luoghi in cui si intende pescare. Bisogna ricordare che a una minor lunghezza corrisponde sempre una maneggevolezza migliore, con la riduzione però della gittata.

Ai principianti consiglio di orientarsi verso attrezzatura standard, di lunghezza intermedia. A questo proposito posso riassumere questo valore con dei punti di riferimento facili da ricordare: in media si può spaziare da un minimo di 2 metri a un massimo poco oltre i 15 metri. Anche il peso all’interno della stessa fascia di prezzo può variare, ma non in misura sufficiente per condizionare la scelta di chi desidera pescare solo per hobby.

canna da pesca sughero
@LoveToTakePhotos/pixabay.com

Il test: 4 modelli a confronto

Lixata Canna da Pesca

Il primo candidato del confronto è un modello di fascia medioa, con un prezzo non elevato ma anche con una resa ai vertici del settore. Il materiale di cui è composta è la fibria di carbonio. Un pro è la massima affidabilità: sia per i principianti, sia per i professionisti, questa canna da pesca non può deludere. L’unico contro è che può risultare poco stabile. Difficile comunque considerare questa mancanza un vero e proprio svantaggio, visto che nell’ambito professionale per questo tipo di attrezzatura la modularità dei componenti è uno standard.

Shimano Canna da Pesca

Un modello di base orientato verso l’uso da parte degli esperti, non è molto economico.  Il mulinello è compreso. La dotazione è un pro, ma di contro gli occhielli sono forse un po‘ troppo instabili e soggetti alla rottura precoce.

Abu Garcia Devil

Un buon compromesso fra gli allestimenti con attrezzatura entry-level e le canne più costose. Il materiale è una fibra di carbonio di bassa qualità, leggera ma non resistente quanto le fibre di ottima fattura. I pezzi sono due, da assemblare prima dell’uso, a favore di una buona affidabilità generale (la mancanza di giunture scorrevoli scongiura il rischio dell’usura imprevista). Il manico in sughero è molto comodo e questo è un pro. Come contro ho individuato invece un bilanciamento mal gestito, che durante l’attività può sollecitare eccessivamente i polsi e gli avambracci.

Ultrasport Tele Classic 300

Ultrasport è un marchio conosciuto per la produzione di attrezzatura sportiva a basso costo, ma allo stesso tempo di fattura accettabile. Questa canna da pesca è coerente con la filosofia principale del brand: i materiali non sono di buona qualità, ma se si desidera pescare per hobby questa canna svolge il compito per cui è stata concepita. Non me la sento, ad ogni modo, di consigliarla ai principianti più ambiziosi. La dotazione di base è un pro, con il mulinello, alcuni accessori secondari e la borsa per il trasporto. L’inaffidabilità dei meccanismi telescopici è invece un grande contro.

canna da pesca rete
@TheDigitalWay/pixabay.com

Conclusioni

Il vincitore del test è la Shimano Beast Master DX Feeder, che ripaga il suo prezzo con una qualità a tutti gli effetti professionale. Adatta per pescare in numerosi contesti, da scegliere se non si vuole essere limitati al solo uso per hobby. Ottima, inoltre, la fattura dell’inserto su cui fissare il mulinello, caratteristica in cui tutte le altre partecipanti al test hanno mostrato delle incertezze. Il miglior rapporto qualità/prezzo è invece quello della Lixada, realizzata per poter contare su una canna da hobby, senza troppe pretese. Il suo prezzo è davvero conveniente, se rapportato ai pregi e ai difetti del modello.

×

Chiudi

Carlo S.

Interessi

Sport

Biografia

Buongiorno, mi presento: sono Carlo e mi occupo delle sezioni Tempo Libero ed Sport, destinate a divertirvi (e magari aiutarvi a stare in forma!) con i migliori prodotti di ultimo grido! Sono un gran frequentatore della palestra e pratico diversi sport. Il tempo libero è anche importante, per questo ho deciso di scrivere recensioni su prodotti di queste categorie. Lasciate i vostri commenti e suggerimenti se desiderate un articolo su uno specifico argomento. A presto! Carlo