Kimono per arti marziali Recensione - Febbraio 2018

Analisi comparativa dei 4 migliori kimono sul mercato

Carlo S.
Adidas
Adidas
Kwon
Kwon
Gimer
Gimer
Vader Sports
Vader Sports

Ho avuto modo di testare i tipi di kimono selezionati direttamente sul campo. Durante l'allenamento, ho valutato ogni modello sulla base della vestibilità e della praticità offerta nei movimenti. Per questo motivo, la qualità e lo spessore del tessuto si rilevano come dei punti strategici per poter praticare lo sport in sicurezza e libertà.

Vincitore
Adidas

Adidas

Risultato del test

10

su 10

Materiale
Policotone
Taglie
150-190 cm
Cintura inclusa
No
Pro

Facile da pulire

Resistente

Comodo

Buona ventilazione

Contro

Nessuna cintura inclusa

Qualità-prezzo
Kwon

Kwon

Risultato del test

9.2

su 10

Materiale
Cotone
Taglie
150-190 cm
Cintura inclusa
Pro

Interamente in cotone

Pratico

Leggero

Contro

Tessuto ruvido

Difficile da stirare

Gimer

Gimer

Risultato del test

8.3

su 10

Materiale
/
Taglie
120-200 cm
Cintura inclusa
/
Pro

Cuciture resistenti

Buon tessuto

Ottimo taglio

Contro

Non omologato, solo per allenamenti

Vader Sports

Vader Sports

Risultato del test

7.7

su 10

Materiale
Policotone
Taglie
160-190 cm
Cintura inclusa
Pro

Buona fattura

Interamente in cotone

Buona fodera

Contro

Taglio un po' ampio

»
«

Stai per iniziare a praticare le arti marziali? Scegli il tuo kimono!

Il kimono

Il karate è una tipica arte marziale di origine giapponese e dalla storia molto antica. Per svolgere questa attività nonché pratica sportiva capace di inculcare valori come la sincerità, la perseveranza e il rispetto, è necessario dotarsi di un apposito kimono che svolge la funzione di una vera e propria uniforme.
Il kimono è definito più propriamente con il termine „karategi“ ed è composto dalla giacca detta „uwagi“, dai pantaloni „zubon“ e dalla cintura „obi“. Quest’ultima può assumere vari colori a seconda del livello tecnico raggiunto dal karateka (bianco, giallo, verde, arancione e blu).
L’acquisto del karategi giusto è un modo per iniziare bene una pratica sportiva giapponese, che permette di affinare la propria abilità e acquisire un adeguato autocontrollo al tempo stesso.

Kimono, allievi in palestra
@Krimifreundin/pixabay.com

Come scegliere il proprio karategi

Lo sport giapponese è molto formativo e al contempo rappresenta una pratica piuttosto suggestiva anche da ammirare. Tuttavia, è necessario dotarsi di una tuta che sia adeguata alle misure del karateka, scegliendola quindi sulla base di taluni aspetti.
– Il tessuto:
Di solito, i karategi sono realizzati in cotone ma si rilevano anche modelli che presentano del poliestere. Si tratta di tessuti che siano in grado di resistere a tiri e cadute, ma al tempo stesso si richiede che siano adeguatamente leggere per evitare che siano di ostacolo durante l’allenamento.
Il tessuto dev’essere poi valutato anche sulla base della grammatura, ovverosia lo spessore dello stesso in un metro quadro di stoffa. I tessuti con grammatura alta sono ovviamente più resistenti e pregiati, ma presentano anche un prezzo maggiore. In genere, i più leggeri sono di circa 200 gr fino ai più pesanti di 400/500 gr.

– La taglia:
La taglia del kimono va considerata in base alla propria altezza. Le taglie possono variare da marchio a marchio. In ogni caso, il kimono giapponese non deve aderire molto al corpo ma lasciare abbastanza libertà di movimento. Sarebbe opportuno rivolgersi verso taglie leggermente più grandi della propria altezza, dal momento che durante i lavaggi il cotone potrebbe restringersi un po‘.

– L’utilizzo:
Il kimono cambia a seconda dello stile che viene praticato. Il Kata è una forma di lotta contro un avversario immaginario e necessita di un kimono con grammatura più alta e con pantaloni e maniche a 3/4. Il Kumite invece è un combattimento contro un avversario fisico e necessita di un kimono più leggero.

– Le omologazioni:
Laddove il kimono venga utilizzato per partecipare a competizioni ufficiali, è importante che venga omologato. Le omologazioni più frequenti sono WKF e FIKTA. Per il semplice allenamento, il kimono può essere anche non omologato.

– I colori:
In genere, il kimono è bianco come simbolo di umiltà, ma ve ne sono anche di neri.


Kimono, bambini in palestra
@PublicDomainPictures/pixabay.com

IL TEST: I prodotti a confronto

Kwon

Si tratta di una tuta leggera realizzata interamente in cotone, la cintura che stringe la vita della giacca è inclusa e si compone poi di pantaloni abbastanza pratici e dotati di coulisse. Si rivela un prodotto ottimo per i principianti.
Il tessuto è però piuttosto ruvido e difficile da stirare.

Vader Sports

Ottimo per principianti ed esperti, questa tuta si caratterizza di una giacca con una fodera interna e con bavero rigido. I pantaloni con coulisse sono di buona fattura. Il tutto è realizzato in cotone.
Tuttavia, le taglie disponibili vestono un po‘ troppo ampie.

Gimer

Questo prodotto è disponibile in bianco e in nero. Le cuciture sono abbastanza resistenti e nel complesso il tessuto è di buona consistenza. Le misure sono attendibili.
Indicato soprattutto per allenamenti, in quanto non omologato.

Adidas

Questa tuta è realizzata il polycotton, è disponibile in varie misure (fino a 200 cm) e la fascia elasticizzata dei pantaloni si rileva piuttosto comoda. Il tessuto è traspirante e offre quindi una buona ventilazione.
Tuttavia, la cintura in vita non è inclusa.

Kimono, donna nel bosco
@clareherriot.pixabay.com

Conclusioni

Il kimono Adidas si rivela il migliore. È di ottima manifattura e permette di praticare in sicurezza lo sport giapponese.
Per chi cerca il miglior rapporto qualità-prezzo, consiglio Kwon. La giacca è standard, ma resistente. Inoltre, presenta un prezzo adeguato per chi si avvicina per la prima volta alle arti marziali.

×

Chiudi

Carlo S.

Interessi

Sport

Biografia

Buongiorno, mi presento: sono Carlo e mi occupo delle sezioni Tempo Libero ed Sport, destinate a divertirvi (e magari aiutarvi a stare in forma!) con i migliori prodotti di ultimo grido! Sono un gran frequentatore della palestra e pratico diversi sport. Il tempo libero è anche importante, per questo ho deciso di scrivere recensioni su prodotti di queste categorie. Lasciate i vostri commenti e suggerimenti se desiderate un articolo su uno specifico argomento. A presto! Carlo