Giacca antivento da ciclismo Recensione - Gennaio 2018

Chiara confronta gli quattro ultimi Giacca antivento da ciclismo

Chiara A.
GORE BIKE WEAR
GORE BIKE WEAR
Biotex Windbiotex Mantellina Antivento
Biotex Windbiotex Mantellina Antivento
Inbike Giacca Ciclismo Invernale
Inbike Giacca Ciclismo Invernale
Santic
Santic

Il ciclismo è una mia passione da sempre: è stato semplice per me testare approfonditamente i cinque modelli scelti per questo confronto. Durante le mie uscite quotidiane pedalo prevalentemente su sterrato, quindi ho avuto la possibilità di provare i gilet nel contesto mountainbike, senza dubbio il più adatto per verificare la resistenza alle sollecitazioni fuori dalla norma (tra cui la pioggia). Mi sono basato quindi sull'affidabilità delle cuciture e delle zip, oltre alla presenza di tasche e l'inclusione di inserti per aumentare la visibilità notturna.

Vincitore
GORE BIKE WEAR

GORE BIKE WEAR

Risultato del test

10

su 10

Colore
Nero e giallo
Materiale
Poliestere
Taglie disponibili
Da S a XXL
Pro

capace di concorrere con l’attrezzatura professionale

ottimi materiali

Contro

posizione sfavorevole degli inserti rifrangenti

Qualità-prezzo
Biotex Windbiotex Mantellina Antivento

Biotex Windbiotex Mantellina Antivento

Risultato del test

9

su 10

Colore
Giallo/Nero/Bianco
Materiale
Poliestere
Taglie disponibili
S/M/XL
Pro

Tasca interna

Contro

Superficie non abbastanza resistente

Inbike Giacca Ciclismo Invernale

Inbike Giacca Ciclismo Invernale

Risultato del test

8.6

su 10

Colore
Nero e Argento
Materiale
Poliestere
Taglie disponibili
L
Pro

Economico

Ben progettato

Contro

Interno in pile

Santic

Santic

Risultato del test

7

su 10

Colore
Nero e rosso
Materiale
/
Taglie disponibili
Da XS a XXL
Pro

comodi inserti interni in plastica antiscivolo

molto sottile

Contro

non adatta all'impiego per la mountainbike

»
«

Giacca antivento da ciclismo: goditi quello che ami anche con il maltempo!

 

Cos’è una giacca antivento da ciclismo?

L’abbigliamento sportivo dedicato ai ciclisti ha raggiunto una differenziazione tale da rappresentare ormai una categoria a sé stante. Dal casco alle calzature, passando per i guanti, i pantaloni imbottiti da mountainbike e le maglie elastiche, andare in bici come i professionisti significa scegliere molto attentamente gli indumenti adatti, che possono fare la differenza soprattutto nelle condizioni più estreme (tipiche dei luoghi con climi particolarmente caldi o freddi).

La giacca antivento serve per „isolare“ il busto e le braccia dalle correnti d’aria eccessive, e il suo impiego è comune nei mesi invernali. Una buona giacca di questo tipo deve essere quindi in grado di proteggere dal vento, ma allo stesso tempo deve garantire la traspirazione: un obiettivo che può essere raggiunto appieno solo con l’uso di materiali sintetici appositi.

I tessuti più utilizzati sono il goretex (più frequente nell’abbigliamento tecnico per gravity e mountainbike) e il nylon, quasi sempre in abbinamento con altre fibre di supporto al fine di aumentare la resistenza generale del capo d’abbigliamento.

In genere, per le fasce di prezzo basse e medie, non c’è distinzione fra le giacche antivento per il ciclismo da strada e quelle per la mountainbike: le „ramificazioni“ ulteriori si creano solo quando si valutano i gilet della fascia alta, realizzati secondo criteri che per un ciclista amatoriale è inutile considerare.


Giacca antivento da ciclismo ponte
@Unsplash/pixabay.com

Cosa considerare nel momento dell’acquisto?

Per la mia guida ho deciso di concentrarmi sui fattori oggettivi compresi nella scelta di una giacca antivento, e non su quelli soggettivi. Tralascerò quindi la verifica della taglia e dell’estetica, che ogni acquirente dovrà valutare tenendo conto esclusivamente delle proprie esigenze personali.

Tutti, indipendentemente dal tipo di utilizzo, dovrebbero invece badare al tessuto e al suo spessore. Queste due caratteristiche possono trasformare un accessorio professionale per bici in una semplice giacca sintetica, è buona norma quindi scegliere con attenzione e non lasciarsi sedurre eccessivamente dal risparmio.

Consiglio infine di selezionare i modelli con dei colori facilmente visibili in condizioni di scarsa luminosità, una garanzia in più contro il pericolo di non essere visti dagli automobilisti.

Giacca antivento da ciclismo campagna
@Antranias/pixabay.com

Il test: 5 modelli a confronto

Giacca Gore Bike Wear

Qualità eccelsa per questo primo modello, che a dispetto di un prezzo tutto sommato contenuto è capace di concorrere con l’attrezzatura professionale senza troppe difficoltà. Le cuciture sono ottime e i materiali non sono da meno, quindi la qualità generale è il pro, con la piena predisposizione per la mountainbike. La posizione degli inserti rifrangenti, però, secondo i miei gusti poteva essere gestita meglio, e questo è l’unico contro.

Biotex Windbiotex Mantellina Antivento

Per questo modello la visibilità non è certo un problema: il tessuto esterno è giallo acceso, con inserti argentati. Il pro di questa giacca è senza dubbio la capiente tasca posteriore, utile per trasportare piccoli oggetti personali (come il portafogli o il telefono cellulare) ma anche scorte alimentari, come le barrette energetiche, o idriche, come una o due piccole borracce. Di contro la superficie bianca non è fra le più resistenti, problema a cui si può ovviare con un po‘ di attenzione.


Giacca Inbike

L’efficienza è dalla parte di questo penultimo modello, economico ma ben progettato. La superficie è abbastanza spessa per proteggere dalle intemperie, compresa la pioggia. La versatilità è un pro: nessun problema nei contesti mountainbike, anche quelli più spinti. Questa volta il contro è in parte soggettivo, perché riguarda l’interno rivestito in pile, che io non gradisco a causa del modo in cui questo materiale è capace di stravolgere gli equilibri fra le temperature interne ed esterne.

Giacca Sanctic Fleece

L’ultimo articolo della recensione fa parte del mercato orientale, quindi nel caso in cui lo si scelga è bene prestare attenzione alle taglie, che in Cina e Giappone vengono intese in modo distorto rispetto ai nostri standard. I vantaggi più evidenti di questo modello consistono nella vestibilità, data in parte dai comodi inserti interni in plastica antiscivolo. Questa giacca Sanctic è di gran lunga più sottile rispetto a molti altri modelli simili, motivo per cui sconsiglio il suo impiego per la mountainbike, fattore che si potrebbe considerare come un contro.

Giacca antivento da ciclismo blu
@Markus Spiske/pexels.com

Conclusioni

Il modello Gore Bike Wear è il vincitore indiscusso del test, un capo sportivo di prim’ordine in cui è davvero difficile trovare dei difetti degni di nota. Considerando il rapporto fra qualità e prezzo, invece, il modello Biotex Windbiotex Mantellina Antivento  non ha rivali, con una qualità generale più che sufficiente e dei rinforzi per gomiti e fianchi, immancabili per affrontare con qualche sicurezza in più i percorsi da mountainbike.

×

Chiudi